Luoghi

L'Emilia-Romagna è un crocevia cruciale per la storia del Partito comunista. Una molteplicità di luoghi-simbolo testimonia il diffondersi e il radicarsi, lungo il Novecento, dell'appartenenza e dell'attività politica legata al partito. Nella mappa che presentiamo è stato possibile ricostruire alcuni luoghi della clandestinità e della lotta antifascista risalenti ai decenni tra le due guerre mondiali. Ma anche e soprattutto le centinaia di luoghi ed eventi che, nella seconda metà del secolo, hanno lasciato il segno sul territorio regionale, caratterizzando compiutamente l'Emilia-Romagna come “Emilia rossa”. Una sezione ad hoc è dedicata ai luoghi dell'attivismo femminile, realizzata in collaborazione con la Rete Archivi UDI Emilia-Romagna.


Comacchio, Casa di nascita di Edgardo Fogli

Fogli nacque a Comacchio il 23 maggio del 1901. Fu antifascista e funzionario del Partito comunista, tra gli organizzatori della Resistenza a Comacchio. Dopo esser stato catturato e torturato dai nazifascisti, venne ucciso il 29 gennaio 1945.

Apri

Ferrara, lapide commemorativa di Bruno Rizzieri

Nato a Ferrara nel 1918, al momento dell'armistizio, Rizzieri era arruolato come aviere. Tornò nel Ferrarese, dove organizzò la 35a brigata Garibaldi.

Apri

Ferrara, lapide commemorativa dell'eccidio del Caffè del Doro

La lapide ricorda una strage nazifascista avvenuta il 17 novembre 1944, nella quale sette antifascisti vennero uccisi dalle SS nei pressi del Caffè del Doro, alla periferia della città di Ferrara.

Apri

Comacchio, Piazza Vincenzino Folegatti

Piazza municipale dedicata al partigiano comunista Folegatti, che morì per lo scoppio di una mina anticarro il 18 aprile 1945.

Apri

Ferrara, palazzo municipale

Con le elezioni del 1946 ebbe inizio una lunga e ininterrotta gestione da parte del PCI (e dei socialisti) dell'amministrazione del comune di Ferrara e della maggioranza dei comuni della provincia.

Apri

Ferrara, piazza del Municipio

Piazza all'interno del palazzo comunale di Ferrara, scelta spesso come sede di manifestazioni e/o comizi elettorali.

Apri

Ferrara, piazza Trento e Trieste e corso Martiri della libertà

Rispettivamente, la piazza principale di Ferrara e il corso che si conclude con castello Estense: furono e sono i luoghi principali delle manifestazioni e dei comizi pubblici della città.

Apri

Ferrara, sede della Federazione provinciale comunista

Detta il "Cremlino", fu la storica sede della Federazione provinciale di Ferrara.

Apri

Le case del popolo nella provincia di Ferrara

Le case del popolo nella provincia di Ferrara: le sedi di Mesola e Gallo nell'immediato dopoguerra.

Apri

L'acquedotto

Nelle elezioni comunali del 1951 il PCI di Portomaggiore (come accadde anche in altri comuni del Ferrarese) si presentò alle elezioni con un simbolo inedito: quello dell’acquedotto.

Apri

Ferrara, il Montagnone

Il baluardo della Montagna, più comunemente noto come Montagnone, è un’area delle mura di Ferrara destinata a parco pubblico cittadino.

Apri

Ferrara, ex-Teatro Verdi

Storico teatro di Ferrara – costruito nel 1857 e completamente rifatto nel 1913 – strutturato come un "anfiteatro" e con capienza di oltre 2000 spettatori, fu una delle sedi principali dei congressi della federazione provinciale di Ferrara.

Apri

Ferrara, Sala Estense

Sala teatrale di Ferrara, fu insieme all'ex Teatro Verdi una delle storiche sedi dei congressi della Federazione provinciale comunista.

Apri

Poggio Renatico, sezione del PCI

Storica sezione di partito di Poggio Renatico, piccolo comune del Ferrarese che fu governato ininterrottamente dal PCI dal 1946 a 1991.

Apri

Poggio Renatico, parco della Casa del Popolo

Sede abituale delle feste de "L'Unità" di Poggio Renatico, dal dopoguerra in poi.

Apri