Luoghi

L'Emilia-Romagna è un crocevia cruciale per la storia del Partito comunista. Una molteplicità di luoghi-simbolo testimonia il diffondersi e il radicarsi, lungo il Novecento, dell'appartenenza e dell'attività politica legata al partito. Nella mappa che presentiamo è stato possibile ricostruire alcuni luoghi della clandestinità e della lotta antifascista risalenti ai decenni tra le due guerre mondiali. Ma anche e soprattutto le centinaia di luoghi ed eventi che, nella seconda metà del secolo, hanno lasciato il segno sul territorio regionale, caratterizzando compiutamente l'Emilia-Romagna come “Emilia rossa”. Una sezione ad hoc è dedicata ai luoghi dell'attivismo femminile, realizzata in collaborazione con la Rete Archivi UDI Emilia-Romagna.


Mezzano, Teatro Italia

Costruito nel 1920 ad opera della Cooperativa Agricola Braccianti di Mezzano, il teatro fu sede del congresso provinciale comunista del 4 dicembre 1921.

Apri

Milano Marittima, Albergo Mare Pineta

Costruito nel 1927, l’Albergo Mare Pineta di Milano Marittima è considerato il luogo di nascita della Resistenza ravennate.

Apri

Conselice, stamperia clandestina

Nella campagna tra Conselice e Massa Lombarda, venne nascosta in vari luoghi una macchina stampante a pedali, detta “pedalina”, adibita alla produzione della stampa clandestina ravennate durante il periodo della Resistenza.

Apri

Piazza Garibaldi, Ravenna

La piazza è stata teatro di uno dei momenti più significativi di consacrazione della Resistenza ravennate. Il 4 febbraio 1945 il generale Richard McCreery, comandante dell’8a Armata Britannica, consegnò al comandate “Bulow” Arrigo Boldrini la Medaglia d’oro al valor militare per il contributo dato alla liberazione della città.

Apri

Sezione Pci "Celso Strocchi", Ravenna

Prima sezione ravennate del dopoguerra, nata come Casa del Popolo e costruita in sei mesi di lavoro (in gran parte volontario) con il contributo economico di tutti i tesserati.

Apri

Alfonsine, Sede Pci “Terzo Lori”

La sede Pci, Udi e Fgci del centro di Alfonsine, dedicata al partigiano Terzo Lori, fu costruita nel 1946, primo edificio di quella che era destinata ad essere la piazza principale di un paese completamente distrutto dalla guerra.

Apri

Mezzano, Cooperativa Agricola Braccianti

Il borgo bracciantile di Mezzano è uno degli epicentri delle lotte agrarie nel Ravennate. La Cooperativa Agricola Braccianti, nel dopoguerra, è protagonista delle mobilitazioni e delle gestioni collettive dei terreni.

Apri

Casa del Popolo di Brisighella

Paese dalla forte tradizione cattolica e cristiano democratica, a Brisighella il Pci – a differenza di molti altri centri della provincia – non è mai stato un partito egemonico, ma ha dovuto invece costruirsi un ruolo di riferimento all’opposizione.

Apri

Casa del Popolo Santerno, Ravenna

Quella di Santerno è una tra le Case del Popolo più colpite dal giro di vite del governo Scelba.

Apri

Casa del Popolo di Porto Fuori, Ravenna

Considerata una delle sedi più importanti di Ravenna insieme alla “Strocchi” e al circolo “Scintilla”, la Casa del popolo di Porto Fuori fu inaugurata nel 1957, costruita grazie al contributo dei volontari e allo stanziamento di 28.000 lire iniziali raccolte tra i soci.

Apri

Casa del Popolo di Villanova di Bagnacavallo

Villanova di Bagnacavallo è stato uno dei punti di riferimento di partecipazione al Pci nella bassa Romagna.

Apri

Sezione Pci “Calderoni” detta Ca’ Rossa, Ravenna

Inizialmente Casa del Popolo nei pressi del Mausoleo di Teodorico, luogo di ritrovo e di attività politica, è stata fin dal 1947 punto di riferimento per i quartieri operai e per le cellule comuniste della vicina zona industriale.

Apri

Casa dello Studente, Ravenna

La Casa dello studente è una delle conquiste del movimento studentesco ravennate, nonché uno tra i tentativi dell’amministrazione comunale di venire incontro alle richieste sorte nei movimenti giovanili dopo il 1968.

Apri

Faenza, uccisione di Adriano Salvini

Uno degli episodi più efferati di violenza neofascista in provincia di Ravenna è avvenuto a Faenza.

Apri

Ippodromo di Ravenna, sede principale delle Feste dell’Unità

L’area dell’Ippodromo di Ravenna ha ospitato per molti anni la Festa dell’Unità, evento politico, ricreativo e culturale di maggior importanza nell’arco dell’anno, nel quale confluivano ospiti d’eccezione nonché le energie di centinaia di volontari.

Apri