Luoghi

L'Emilia-Romagna è un crocevia cruciale per la storia del Partito comunista. Una molteplicità di luoghi-simbolo testimonia il diffondersi e il radicarsi, lungo il Novecento, dell'appartenenza e dell'attività politica legata al partito. Nella mappa che presentiamo è stato possibile ricostruire alcuni luoghi della clandestinità e della lotta antifascista risalenti ai decenni tra le due guerre mondiali. Ma anche e soprattutto le centinaia di luoghi ed eventi che, nella seconda metà del secolo, hanno lasciato il segno sul territorio regionale, caratterizzando compiutamente l'Emilia-Romagna come “Emilia rossa”. Una sezione ad hoc è dedicata ai luoghi dell'attivismo femminile, realizzata in collaborazione con la Rete Archivi UDI Emilia-Romagna.


Albergo Commercio, via Farini, Modena

A pochi giorni dal Congresso di Livorno, nel febbraio 1921, alcuni comunisti modenesi si ritrovarono presso l’albergo “Commercio”, in via Farini a Modena.

Apri

Quartiere Mulini Nuovi, Modena

Nel marzo 1922 il primo congresso clandestino della Federazione Comunista di Modena si tenne nel quartiere Mulini Nuovi di Modena.

Apri

Migliarina, Carpi

Il 28 settembre 1930 si tenne a Migliarina di Carpi un congresso clandestino della gioventù comunista, con una trentina di delegati da diverse realtà produttive della provincia.

Apri

Forte Urbano, Castelfranco Emilia

Il Forte urbano di Castelfranco Emilia negli anni del regime divenne uno dei tre carceri per antifascisti in Italia, insieme a quelli di Civitavecchia (Roma) e di Fossano (Cuneo).

Apri

Casa di Ada Vincenzi, Modena

Ada Vincenzi, ostetrica, dal 1943 iscritta al partito comunista, mise a disposizione la sua casa, sita in Viale Reiter (in seguito Via Ricci, 84), come centro di raccolta per i militanti e simpatizzanti socialisti e comunisti.

Apri

Tipografia clandestina, via Cavour 58, Modena

A Modena e in alcuni paesi della provincia erano attive, da tempo, tipografie clandestine che stampavano documenti per diversi gruppi politici, ma nel 1944 una tipografia propria del PCI venne insediata in via Cavour 58.

Apri

Sala San Vincenzo, corso Canalgrande, Modena

Presso la Sala San Vincenzo, in corso Canalgrande, si svolse il primo congresso del partito comunista modenese nel dopoguerra (luglio 1945).

Apri

Casa del popolo San Damaso, Modena

Nel 1945 i partiti comunista e socialista e la Camera del Lavoro occuparono la Casa del fascio costruita con la manodopera obbligatoria durante il fascismo e la trasformarono in Casa del popolo.

Apri

Casa del popolo di Concordia

Dopo la fine della guerra, la Casa del popolo di Concordia fu posta nell’ex Casa del fascio, che era stata costruita negli anni Trenta con un finanziamento forzoso.

Apri

Stazione dei treni di Modena, accoglienza bambini di Napoli

Alla fine del 1946 si formò un “Comitato per la salvezza dei bambini di Napoli”, seguito dalla Commissione per la "campagna bambini" a Modena, organizzato dal Pci e dall’Udi.

Apri

Teatro di massa, Stadio comunale di Modena

Il Teatro di massa nacque come strumento per la diffusione di propaganda politica e si qualificò come un teatro di fatti, interpretati da coloro che li avevano vissuti.

Apri

Casa del popolo “Rinascita” di San Vito (Spilamberto)

La Casa del popolo “Rinascita” di San Vito (Spilamberto) venne inaugurata nell’agosto del 1949.

Apri

Fonderie Riunite di Modena

Per il 9 gennaio 1950 la Camera del Lavoro di Modena indisse uno sciopero generale contro la serrata delle Fonderie Riunite a Modena.

Apri

Feste de l’Unità, Giardini Pubblici, Modena

Tra il 1946 e il 1950 si svolsero ai Giardini Pubblici le prime feste provinciali dell’Unità dell’immediato dopoguerra.

Apri

Feste de l’Unità, Piazza d’Armi, Modena

Nel 1951 la festa fu spostata in Piazza d’Armi (ex Ippodromo, oggi Parco Novi Sad), dove rimase fino al 1976.

Apri